• Sergio Freschi

CHE COS'E' LA SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Aggiornato il: ago 3

La sindrome del tunnel carpale (STC) è un insieme di sintomi soggettivi e segni oggettivi a carico della mano, dovuti ad una compressione del nervo mediano all'interno del “tunnel carpale”


Il tunnel carpale è un passaggio stretto e rigido costituito dal legamento e dalle ossa alla base della mano.


Al suo interno passa il nervo mediano e i tendini. A volte l’ingrossamento dei tendini o altre condizioni che creano gonfiore restringono il tunnel e fanno sì che il nervo mediano risulti compresso.


La conseguenza è il dolore e una sensazione di debolezza o intorpidimento alla mano e al polso, che si irradiano verso il braccio. Sebbene gli stati dolorosi possano indicare altre patologie, la sindrome del tunnel carpale è la più conosciuta e famosa delle neuropatie, ovvero delle patologie in cui i nervi periferici del corpo umano vengono compressi o subiscono traumi.

LE CAUSE


La compressione e/o irritazione del nervo mediano all’interno del tunnel carpale, che sta all’origine della Sindrome del Tunnel Carpale (STC), può essere dovuta a molteplici cause, che richiedono un’accurata diagnosi clinica e strumentale:

  • ispessimento del legamento trasverso del carpo;

  • infiammazione, con edema, dei tendini e delle guaine tendinee dei muscoli flessori (tenosinoviti); questa è spesso dovuta a un uso eccessivo della mano in attività lavorative manuali ripetitive, come nel caso di dattilografi, pianisti, lavoratori al computer, operai che utilizzano martelli pneumatici o altri strumenti con vibrazioni sul palmo, ecc.;

  • patologie sistemiche con interessamento dei nervi periferici o formazione di edemi periferici:

  1. diabete mellito;

  2. insufficienza renale e conseguente ritenzione di liquidi nei tessuti del corpo;

  3. ipotiroidismo;

  • esiti di fratture al polso o al carpo, con deformità osteoarticolare residua;

  • neoformazioni entro il tunnel carpale come lipomi, fibrolipomi e cisti articolari;

  • predisposizione ereditaria alla sindrome;

  • fattori ormonali (a rischio di STC sono soprattutto le donne, in particolare se in gravidanza o in età perimenopausale, probabilmente per un aumentato rapporto progesterone/estrogeni che influenza la ritenzione idrica).


SINTOMI


I sintomi di solito si manifestano con gradualità, con frequenti bruciori, formicolio o sensazioni di addormentamento misto a prurito al palmo della mano e alle dita, specialmente al pollice, all’indice e al medio soprattutto durante la notte. Quando i sintomi peggiorano è possibile avvertire un fastidioso formicolio durante il giorno, il dolore si irradia anche nell’avambraccio e si ha una perdita di sensibilità alle dita e una perdita di forza della mano.

DIAGNOSI

Quando il paziente riferisce formicolio e/o dolore, spesso irradiato all’avambraccio, prevalentementenotturno o mattutino, la diagnosi di Sindrome del Tunnel Carpale è ritenuta la più probabile.

Tuttavia è importante far effettuare l’esame obiettivo neurologico e l’esame elettromiografico/ elettroneurografico (EMG/ENG)

L’esame obiettivo neurologico valuta la forza, i riflessi osteotendinei, la sensibilità e può avvalersi di test clinici. I più conosciuti sono il test di Tinel e di Phalen. Nel primo si percuote con il martellino da riflessi sopra il tunnel carpale, il paziente dovrebbe avvertire una scossa nel territorio di innervazione del nervo mediano; nel secondo si posizionano i palmi delle mani uno davanti all'altro, polsi e gomiti flessi a 90° e si mantiene la posizione per qualche minuto, i pazienti dovrebbero avvertire l’insorgenza di formicolii o il peggioramento di questi. Comunque i test possono dar luogo molto frequentemente a risposte false negative o false positive e pertanto sarebbe meglio non fidarsi troppo del risultato ottenuto.

E’ quindi consigliabile effettuare sempre un esame EMG/ENG.

L’esame ENG elettroneurografico viene eseguito con elettrodi di superficie e piccole scosse elettriche e permette di valutare la velocità sensitiva, la velocità motoria, la latenza e l’ampiezza delle risposte sensitive e motorie del nervo, sollecitate dalla scossa elettrica.

Tuttavia per valutare adeguatamente la gravità della sindrome e per escludere compromissioni nervose a differenti livelli (ad esempio compressione cervicale) è necessario il completamento con esame EMG, eseguito utilizzando piccoli aghi che registrano l’attività muscolare.

6 visualizzazioni

© 2020 Sergio Freschi Ortopedia  Design by 50.01

  • White Facebook Icon

Casa di Cura Privata Piacenza, Via Morigi 41, Piacenza

 0523 711340

ortopedico fisiatra protesi

logo-sergio-freschi.png